Articoli più letti

Statistiche


Utenti registrati: 3026
Visitatori giornalieri: 29
Visitatori totali: 2351145

AGRIREGIONIEUROPA ha un duplice obiettivo: favorire il dialogo tra ricerca scientifica e territorio in materia di agricoltura, agro-alimentare e sviluppo rurale; coniugare la dimensione regionale con quella internazionale, e dell’Unione Europea in particolare.
Con la sua rete di esperti, AGRIREGIONIEUROPA organizza e partecipa a seminari, convegni, iniziative pubbliche di approfondimento. Per i suoi scopi, ricerca la collaborazione delle Regioni e di tutte le istituzioni sul territorio.





Agriregionieuropa è una rivista scientifica riconosciuta dall’ANVUR
per l’Area 13 - Scienze economiche e statistiche (ai sensi dell’art. 4 dell’allegato D del DM 120/2016)

 




CAP PRO
E-Learning PAC 2014-2020
E-learning  PAC Corso per imprenditroi agricoli
ELCAP E_VALPROG
Agriregionieuropa si ferma

Come già annunciato, con questo numero sospendiamo l’uscita di Agriregionieuropa. La situazione finanziaria dell’Associazione Alessandro Bartola, che ha finora sostenuto la pubblicazione della rivista e tutte le iniziative ad essa connesse, si è fatta difficile. Non c’è niente di sorprendente in questo esito. Mai infatti, nella vita della rivista, abbiamo avuto la condizione per essere ottimisti oltre il breve termine. Semmai, sorprendente è che Agriregionieuropa sia stata pubblicata con regolarità per 14 anni e 56 numeri, aggiungendo di volta in volta nuovi servizi: le finestre, i corsi e-learning, le collane, la newsletter, il glossario, ecc. Ma questa volta, nonostante l’indubbio successo testimoniato dagli oltre due milioni di accessi unici al sito (831 al giorno nel 2018), non siamo riusciti a trovare i fondi, peraltro di modesta entità, necessari per proseguire.
Il successo di Agriregionieuropa è dovuto a due...

Integrazione europea: evoluzione e sviluppi

Riflettendo – in occasione del premio Nobel per la pace 2012, all’Unione europea – così scriveva Guido Rossi, su “Il Sole 24 ore” – edizione on line – 14 ottobre 2012: “Quest'ultima crisi costituisce [Rossi fa riferimento alla crisi finanziaria originatasi nel 2007-08 negli Usa e poi abbattutasi sull’Unione europea] la miglior prova che dal '45 in poi si sia presentata per la verifica del ‘metodo Monnet’ sulla unificazione europea. Jean Monnet, uno dei padri fondatori, aveva proposto di procedere gradualmente con misure tecnocratiche di integrazione economica, sicuro che queste avrebbero portato all'unificazione politica, sia pur attraverso momenti di crisi, che egli considerava «grandi opportunità di unificazione». Possiamo oggi tranquillamente affermare che l'Europa e i Trattati nascono soprattutto dalla paura di crisi devastanti. Dagli anni Quaranta agli anni Settanta del secolo scorso, la spinta all'...

Non cliccare su questo link in quanto e accentata per gli spammers e verresti messo nelle blacklist