Articoli più letti

Statistiche


Utenti registrati: 2783
Visitatori giornalieri: 248
Visitatori totali: 2015057

AGRIREGIONIEUROPA ha un duplice obiettivo: favorire il dialogo tra ricerca scientifica e territorio in materia di agricoltura, agro-alimentare e sviluppo rurale; coniugare la dimensione regionale con quella internazionale, e dell’Unione Europea in particolare.
Con la sua rete di esperti, AGRIREGIONIEUROPA organizza e partecipa a seminari, convegni, iniziative pubbliche di approfondimento. Per i suoi scopi, ricerca la collaborazione delle Regioni e di tutte le istituzioni sul territorio.





Agriregionieuropa è una rivista scientifica riconosciuta dall’ANVUR
per l’Area 13 - Scienze economiche e statistiche (ai sensi dell’art. 4 dell’allegato D del DM 120/2016)

 




CAP PRO
E-Learning PAC 2014-2020
E-learning  PAC Corso per imprenditroi agricoli
ELCAP E_VALPROG

Il 15 settembre di quest’anno ricorreva il venticinquesimo anniversario della prematura scomparsa di Alessandro Bartola, docente di economia e politica agraria nell’Università Politecnica delle Marche.
Pochi, ormai, sono quelli che l’hanno conosciuto personalmente. I più sanno che al suo nome è intitolata l’Associazione che edita questa rivista. In sintonia con la ricorrenza della scomparsa di Bartola, questo editoriale è dedicato a ricordare il confronto intellettuale fra Alessandro Bartola e Giorgio Fuà in merito all’interpretazione del modello di “industrializzazione diffusa” (termine coniato da Fuà stesso) che, dagli anni Sessanta del secolo scorso in avanti, aveva interessato le regioni della cosiddetta “Terza Italia”, tra le quali le Marche (Fuà, Zacchia, 1984).
L’oggetto specifico della riflessione era la dirompente genesi e crescita, in questa regione, dei distretti industriali di piccola e media impresa: calzaturiero tra maceratese e...

La mitigazione delle emissioni agricole e forestali di gas a effetto serra è materia complessa e articolata. Prima di tutto perché il territorio, le produzioni agricole e le foreste sono altamente soggetti alle mutate e mutevoli condizioni climatiche; nello stesso tempo sono essi stessi causa del riscaldamento globale con le loro emissioni di gas serra ed anche parte della soluzione. Infatti, i settori considerati sono fonte di emissioni, ma sono anche in grado di sequestrare carbonio nei suoli e nelle biomasse agricole e forestali. Tale contributo positivo non era stato finora incluso negli obiettivi di mitigazione della politica climatica europea, sia per la complessità della sua contabilizzazione, che per le incertezze strutturalmente legate alla stima delle emissioni e degli assorbimenti di tali settori.
Solo recentemente, nel maggio 2018, è stato approvato il nuovo regolamento comunitario 2018/841 per l’inclusione settore c.d. Lulucf (dall’...

Non cliccare su questo link in quanto e accentata per gli spammers e verresti messo nelle blacklist