Editoriale n.6

Editoriale n.6

AGRIREGIONIEUROPA raggiunge con questo numero della rivista un importante traguardo. Un anno fa, nel settembre 2005, abbiamo aperto il sito www.agriregionieuropa.it , attraverso il quale è diffusa la rivista e, nello stesso tempo, sono forniti altri servizi. Possiamo tirare con soddisfazione un primo bilancio: i contatti nell’anno sono stati più di 22 mila e ogni uscita della rivista è seguita da 3-5 mila download del testo completo in versione .pdf o dei suoi singoli articoli in versione .html. Le finestre, come il glossario e le rubriche degli eventi, sono diventate rapidamente un apprezzato e diffuso strumento di aggiornamento e di documentazione.
Le reazioni dei nostri lettori sono generalmente molto positive. Incoraggiante è la disponibilità di tanti docenti e ricercatori universitari, ma anche esperti nelle istituzioni e nelle organizzazioni, a collaborare scrivendo, partecipando alle varie iniziative, utilizzando e promuovendo la rivista e gli altri servizi.
Evidentemente, pur nei suoi limiti, AGRIREGIONIEUROPA risponde a due esigenze molto sentite in materia di agricoltura, agro-alimentare e sviluppo rurale
a) organizzare un ponte tra ricerca e attori del settore (responsabili politici, stake-holder e imprenditori) che consenta di orientare la ricerca verso campi di esplorazione di cui la società ha maggiormente bisogno, di accrescerne, per così dire, l’utilità;
b) creare una rete di persone e di eventi che, coniugando il locale e il globale (le Regioni e l’Europa richiamando il titolo dell’iniziativa), miri a favorire, con continuità e costanza, l’elaborazione e la crescita collettive e, quindi, l’efficienza e l’efficacia delle scelte pubbliche e private. L’auspicio per il prossimo anno è che il ponte si consolidi ulteriormente, contribuendo a dimostrare l’eccellente qualità  in Italia della ricerca in economia e politica agraria e nelle discipline contigue; e che la rete si rafforzi e si estenda a nuovi collaboratori, lettori e sostenitori.

Rubrica: 
Non cliccare su questo link in quanto e accentata per gli spammers e verresti messo nelle blacklist