Editoriale n.36

Editoriale n.36

Agriregionieuropa cambia veste. Da questo numero, il sito www.agriregionieuropa.it è rinnovato per rispondere meglio agli obiettivi della rivista e per fornire nuovi servizi. La veste grafica è migliorata e alcune funzionalità sono state automatizzate e rese più fruibili.
In più, questa è la maggiore novità, da oggi ogni utilizzatore del sito può anche contribuire a crearne i contenuti. È infatti possibile aprire gruppi di discussione dove sono a disposizione diversi strumenti (agenda, forum, questionari), si possono caricare materiali di ogni genere (testi, foto, presentazioni, audio-video, link, pagine wiki) ed è anche possibile intervenire direttamente a video attraverso l’editor integrato dei testi.
In questo modo, Agriregionieuropa intende dare impulso alla costituzione di vere e proprie Comunità di Pratiche, offrendosi come luogo di incontro, approfondimento, divulgazione. Il sito poi, sulla base delle preferenze di chi vi accede, consente di autogestire le proprie visualizzazioni e le notifiche di proprio interesse. Per fruire di queste nuove funzionalità, gli utilizzatori del sito sono invitati a registrarsi.
Con questo numero, Agriregionieuropa entra nel suo decimo anno di vita. Oltre le migliori aspettative, è diventata la rivista scientifica in italiano di economia e politica agraria di gran lunga più letta e citata. Abbiamo fin qui pubblicato 1.142 articoli di 881 autori, dando voce ad una comunità scientifica particolarmente estesa e qualificata. Al tempo stesso, con i suoi oltre 700 mila contatti, il sito è diventato il punto di riferimento privilegiato per una amplissima platea di utilizzatori.
Nel sito sono state attivate nel tempo altre iniziative: gli eventi Agriregionieuropa, le Finestre, le collane: Phd Studies e Tesi on line, la banca dati Agrefit. Infine, sono stati lanciati i corsi e-Learning : l’ultimo, quello sulla Pac 2014-2020, ha raccolto in un mese quasi 800 iscritti.
Ogni dettaglio del nuovo sito è stato curato con il massimo impegno. Ringraziamo fin d’ora chi ci invierà suggerimenti migliorativi. Il sito va infatti considerato un cantiere aperto. Della sua messa a punto va dato il merito in particolare ad Antonello Lobianco e Andrea Bonfiglio. Ma si è trattato anche di un lavoro di equipe al quale tutti i collaboratori della redazione (Valentina Materia e Francesco Pagliacci) e della “sala macchine” (in particolare: Giulia Matricardi e Marco Renzi) hanno dato il loro meglio.
Il Tema di questo numero è dedicato alla questione dei produttori agricoli in Italia e della formazione, distribuzione e tassazione dei loro redditi. La raccolta di articoli è stata coordinata da Antonio Cristofaro e Benedetto Rocchi. La ricerca ha comportato un lavoro particolarmente complesso di esame delle diverse fonti statistiche a disposizione, alcune delle quali ancora poco esplorate.

Rubrica: 
Non cliccare su questo link in quanto e accentata per gli spammers e verresti messo nelle blacklist